Skip to content

Tacchi storici di prostitute.

25 novembre 2009

CHI: Manuela

città: Barcellona

CHE: Come non passeggiare per Las Ramblas, “i viali”, di Barcellona. Posso mettere la mano sul fuoco senza scottarmi, affermando che è una tappa obbligata in questa città. Anche se penso che sia la via meno interessante, più turistica e sporca. Senza contare la notevole concentrazione di scattanti borseggiatori  pronti all’azione. Ma nonostante ciò questo fiume di cemento diventa il punto di riferimento per ubicarsi nella città: dando le spalle a Plaza Catalunya, tutti, dopo un paio di giorni di permanenza, sanno che a destra de Las Ramblas c’è il Barrio Gotico, a sinistra il Raval e in fondo il porto.

Le impronte dei tacchi al numero 24 de Las Ramblas.

In questa via si incrociamo e sfiorano, ogni giorno dell’anno, migliaia di persone di differenti paesi. La notte non è inusuale assistire al commercio del sesso di ragazze, sopratutto di nazionalità nigeriana. Ai numeri 22 e 24 de Las Ramblas troviamo la testimonianza storica di questo fenomeno. Sono visibili due grosse impronte nel suolo davanti a quelle che furono le entrate di due pensioni nella seconda metà del XIX secolo. Sono buchi fatti dalle prostitute, durante il trascorrere di vari anni, con il peso dei loro tacchi in attesa dei loro clienti. Nel 1956 fu, infatti, proibita la prostituzione e chiusi i bordelli. Questo decreto le costrinse a scendere in strada.

L’ultima eclatante retata attuata dalla Polizia Nazionale, la Guardia Urbana e i Mossos d’Esquadra di Barcellona, per la prima volta insieme,  risale al 5 settembre 2009. Il motivo che la scatenò fu la pubblicazione di alcune foto, sul quotidiano El Pais, di prostitute che praticavano sesso tra i banchi chiusi del Mercato della Boqueria (vedi sotto). Furono arrestate 16 persone e 78 identificate.

Per riflettere sul fenomeno, che , come quasi tutto del resto, a una doppia faccia, vi invito a vedere l’estratto di un programma, della rete televisiva spagnola Cuatro, che dà voce ad alcune delle protagoniste della storia attuale. (Guarda il video)


TACCHI STORICI DI PROSTITUTE

La Rambla, 22 e 24 (Guarda la mappa)

Da sapere che: Il Sindaco di Barcellona, Jordi Hereu, ha chiesto una legge che proibisca l’esercizio della prostituzione in strada per “lottare per la dignità” degli spazi pubblici, come Las Ramblas, con sanzioni penali.

A due passi: Il Mercato della Boqueria, il più visitato esempio di mercato catalano popolare, pieno di colori e banchi per ogni genere alimentare. E’ il mercato più famoso di Barcellona e il più grande della Spagna. Non lasciatevi sfuggire uno dei tanti succhi naturali, di vari gusti, che vendono per 1€.

Tacchi storici di prostitute suona come Piensa en mi – Luz Casal .


Share

Traduci il post…

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: