Skip to content

FC Barça: piccoli campioni crescono

5 dicembre 2009

CHI: Manuela

cit: Barcellona

CHE: Tutti o quasi conosciamo le gesta del  Futbol Club Barcelona, fondato nel 1899,  tricampione nella passata stagione: si è aggiudicato, infatti, nello stesso anno, la Liga , la Copa del Rey e la Champions League (nella finale del 27 maggio 2009 allo stadio Olimpico di Roma, ndr). E ad oggi al vertice della classifica del campionato che si sta attualmente giocando nella penisola iberica.

Tutti o quasi conosciamo lo stadio Camp Nou, terreno di gioco del Barça, uno dei migliori stadi d’Europa; situato nella parte occidentale della città e datato 1957, è considerato un vero tempio del calcio ed è da sempre oggetto di foto ricordo di turisti e appassionati di pallone.  Ha una capienza di oltre 100.000 posti e vanta  un  numero impressionante di abbonati: 112.000 ca.

La Masia del Barça (da wikipedia.org)

Ma pochi sanno che accanto allo stadio si erge la Masia. Dall’esterno appare una grande casa rurale ben curata, dentro si coltivano i campioni di domani. Infatti, è la residenza delle giovani promesse del FC Barcelona. Ragazzi, per lo più adolescenti, di tutte le nazionalità, che hanno lasciato casa e famiglia per dedicarsi al pallone; qui vivono, si allenano e studiano.

Pep Guardiola, Victor Valdés, Xavi, Carles Puyol, Ivan De La Pena, Andrés Iniesta o Leo Messi, e molti altri ancora, hanno vissuto tra queste mura e hanno lasciato alcuni ricordi della loro permanenza.

Questa antica residenza del 1702, conosciuta prima come la “Masia de Can Plans”, fu inaugurata dalla società sportiva il 20 ottobre del 1979, 25 anni fa. Più di 400 giocatori hanno vissuto qui. Delle 60 giovani promesse selezionate dalla Società quest’anno, dormono nella Masia solamente i 13 giocatori più giovani, 8  di calcio e 5 di pallacanestro. Gli altri 48 in alcune stanze all’interno del Camp Nou. All’interno della Masia, grande 610 m2, i giovani hanno a disposizione spogliatoi, dormitori, cucina, sala da pranzo, soggiorno, biblioteca, giardini e servizi.

Se sbirciate tra le grate e  notate qualche ragazzino particolarmente abile col pallone tra i piedi, potrete magari rivedervelo tra qualche anno in prima squadra o addirittura in lizza per il pallone d’oro: di sicuro qualche ignaro fortunato avrà visto Messi palleggiare su quel campetto d’erba sintetica qualche anno fa!


MASIA DEL FC BARCELONA

Avenida Joan XXIII, 2-14 (Guarda la mappa)

Tel: +34 93 496 3606 (è possibile richiedere la visita)

Metro: Zona Universitaria (L3) o Collblanc (L5)

Da sapere che: Il Museo del Futbol Club Barcelona, vicino alllo stadio Camp Nou, è tra i muesi più visitati della città. La visita guidata include il museo e il tour dello stadio. Occhio però ai prezzi che oscillano tra i 17€ per gli adulti ai 14€ per studenti, bambini e pensionati.

A due passi: Il Palazzo Reale di Pedralbes, in Avenida Diagonal 686, residenza di reali dai tempi di Carlomagno (?!). Il re Alfonso XIII, il Presidente della Catalogna e il generale Franco furono ospiti in questo palazzo che appartenne alla famiglia di Eusebi Guell, mecenate di Gaudi, fino al 1926. Ad oggi è possibile visitare all’interno del palazzo, il Museo della Ceramica e il Museo delle Arti Decorative.

La Masia del Barça suona come Cant del Barça – Josep Maria Espinàs.


Traduci il post…
Annunci
5 commenti leave one →
  1. 26 aprile 2010 08:19

    Esiste anche una versione argentina della Masia del Barça:

    http://www.elpais.com/articulo/deportes/Masia/Buenos/Aires/elpepidep/20100426elpepidep_17/Tes

  2. 17 febbraio 2010 12:28

    Hola hanz!q tal?
    in realtà vivo a Gracia…anzi a dir la verità sono momentaneamente in Italia ma l’intenzione è quella di tornare presto!

    Effettivamente il Palazzo fu convertito nell’attuale Palazzo Reale tra il 1919 e il 1924 dagli architetti Eusebi Bona e Francesc Nebot, quando Eusebi Guell lo regalò alla Famiglia Reale. E ha origine dalla antica Masia di Can Feliu, del secolo XVII.

    Evidentemente quando ho coinvolto Carlo Magno avevo sorseggiato qualche cubata di troppo!

    Grazie e a presto!

  3. 17 febbraio 2010 00:13

    Ehi ragazzi, complimenti per il blog, carino e con un taglio nuovo rispetto a molti altri.
    Manuela, abiti a Les Corts? Vedo che molti tuoi articoli sono sulla zona o sulle immediate vicinanze… Domanda interessata, dato che io mi ci sono trasferito (da Milano) da ormai un annetto.

    Solo una precisazione, giusto per fare il pignolo: il Palau Reial de Pedralbes é del 1921, un po’ più tardi di Carlomagno
    🙂

    • Angelo permalink*
      17 febbraio 2010 09:48

      Grazie Hanz… ci proviamo a fare qualcosa di diverso e con alcune novita’ speriamo di renderlo ancora piu’ innovativo fra un po’.
      Anzi, il progetto e’ aperto a tutti quelli che vogliono collaborare… quindi se ti va di mandarci i tuoi contributi da Barcellona ne saremmo piu’ che contenti! Dai un’occhiata alla sezione “collabora”…

Trackbacks

  1. Una pueblo in città condannato a scomparire « CHIcCHE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: