Skip to content

Non solo un provider telefonico. – TISCALI

8 dicembre 2009

CHI: Francesca

città: Tiscali

CHE: Famoso per aver dato il nome al provider di servizi telefonici, Tiscali è uno dei più spettacolari villaggi nuragici della Sardegna. Sul massiccio del Supramonte, in una cavità formatasi dal crollo della cima del Monte Tiscali, questo insediamento è stato un rifugio inespugnabile per millenni. Il villaggio è infatti invisibile dall’esterno ed Villaggio nuragico di Tiscali.accessibile solamente da una fenditura laterale.

La colonizzazione di questo luogo rimane ancora un mistero, ma quello che è certo  è che qui si rifugiò la popolazione nuragica per fuggire dagli attacchi dei Romani. Sfortunantamente i saccheggi degli inizi del novecento hanno distrutto parte delle capanne e trafugato i tesori che vi si nascondevano.

Questo nascondiglio millenario tutt’ora gode di un’ atmosfera magica e la sua posizione continua a difenderlo dalle invasioni dei turisti che ogni anno affollano le coste sarde. Per raggiungerlo, è necessario infatti percorrere un sentiero di circa due ore in un bosco di querce (non è difficile ma può essere abbastanza faticoso con il caldo dell’estate). Arrivati all’ingresso della cavità ci si rende subito conto di trovarsi in un luogo speciale. Una quarantina di capanne addossate sulla parete rocciosa ed al centro un antico bosco di lecci e lentischi.

Se siete stanchi di prendere il sole e in spiaggia non trovate posto per stendere il vostro asciugamano, scappate dalla massa e rifugiatevi a Tiscali: la Sardegna è molto di più un mare fantastico.

Per avere un’ulteriore idea della bellezza del luogo, guardate anche questa immagine panoramica qui.


VILLAGGIO NURAGICO DI TISCALI

Da Dorgali sulla SS125 in direzione Baunei (Guarda la mappa). Per indicazioni più precise sul percorso, consultate il sito del turismo di Dorgali: dorgali.it.
Tel.: 0784 927200/36 – 0784 96721 (Ufficio del turismo di Dorgali).
Orario: estivo maggio-settembre 9,00-19,00; invernale ottobre-aprile 9,00-17,00.
Biglietto: € 5,00 Tiscali; € 6 museo e 1 sito; ridotti: € 1,50.

Da sapere chela civiltà nuragica è una delle più misteriose al mondo. Numerosi sono ancora i punti interrogativi da chiarire sulle sue origini e sulla funzione che i nuraghi dovevano svolgere.

A due passi la Gola di Gorroppu, chiamata anche il Gran Canyon d’Europa. Ha pareti alte 450 metri. E’ possibile percorrere la gola da un estremo all’altro in circa due ore.

Non solo un provider telefonico suona come Hotel Supramonte – Fabrizio De Andrè.


Share

Traduci il post…
Annunci
5 commenti leave one →
  1. nanniverde permalink
    1 aprile 2010 22:16

    Un esperienza che tuti noi sardi dovremmo fare per obbligo e non solo la gita scolastica alla tomba di Garibaldi.A distanza di 2 anni non ho dimenticato un solo attimo è stato bellissimo e istruttivo.Chi volesse poi approfondire dovrebbe leggere il romanzo “Passavamo leggeri sulla terra”.Dal passato la lezione di vita sul futuro che per noi sardi in questo momento è altrettento grigio ,con la differenza che loro sono arrivati sino a noi,noi non arriveremo invece alle generazioni future.

  2. Angelo permalink*
    11 dicembre 2009 11:10

    Mmm… una Ichnusa a Londra e’ davvero una dura richiesta! Mi informero’… pero’ per adesso posso darti tante informazioni su molti pub di Londra e relative birre. Quindi se ti passa il momento “sardo”, sai dove trovarmi.

  3. Francesca permalink*
    9 dicembre 2009 20:23

    Su mundu est tundu, e chie non ischit navigare falat a fundu
    (Il mondo e’ tondo e chi non sa navigare cala a fondo). Oggi sto in fissa con i proverbi sardi! una Ichnusa stasera non ci starebbe male. Angelo, sai mica dirmi dove posso comprare una Ichnusa a Londra???

  4. Angelo permalink*
    9 dicembre 2009 16:54

    Grazie Mauro. Diamo i meriti alla nostra scheggia impazzita Francesca. Comunque io stesso non ci sono mai andato, e ho una gran voglia di camminare in mezzo a quel paradiso.
    Tra l’altro mi sembra che non venga nemmeno “pubblicizzato” cosi’ tanto… chissa’ per quali ragioni. Magari tu sei sardo e ne saprai sicuramente di piu’. Pero’ a dirti la verita’ questa situazione non mi dispiace affatto: non voglio nemmeno pensare ad un posto del genere preso d’assalto da folle di turisti!

  5. Mauro permalink
    9 dicembre 2009 15:59

    Bellissimo articolo..io sono Sardo e ancora non sono stato a Tiscali, ma questa lettura mi ha fatto proprio venire voglia di andarci!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: