Skip to content

Una volpe al Parlamento. – STOCCOLMA

25 aprile 2010

CHI: Francesca

città: Stoccolma

CHE: Visitare Stoccolma a metà gennaio non è una malvagia idea.  In quel periodo la temperatura può scendere a -10 gradi o più, ma il paesaggio glaciale ha qualcosa di fiabesco. La neve tra le stradine del centro storico crea un’atmosfera ovattata e surreale. La città,  pur essendo sommersa da un manto di gelo, si rivela splendida, pulita, ordinata ed efficiente. Le strade piene di gente, i negozi aperti, persone che tranquillamente fanno jogging al mattino: una vitalità che lascia credere, a ragione, che gli svedesi non si lasciano spaventare dal freddo glaciale.

Rag and Bone with Blanket 2007

Tod la Volpe avvolta nella sua coperta.

Ma Stoccolma, oltre ad essere una città elegante e moderna, ha moltissimo da offrire a giovani e meno giovani in ogni periodo dell’anno, tra cui diverse chicche.

Ad esempio, passeggiando sulla Drottninggantan, la strada pedonale proprio di fronte al ponte che conduce al sontuoso Parlamento svedese, non lasciate passar inosservato ciò che giace sull’angolo destro della strada. Ad un occhio miope e poco allenato a “cacciare chicche” potrebbe sembrare un ammasso di ferraglie o un mucchio di rifiuti, cosa quanto mai inusuale nel centro di Stoccolma visto l’ordine e la pulizia di cui abbiamo già parlato.

Dovete avvicinarvi ed osservare attentamente per rendervi conto di trovarvi di fronte ad un’ opera d’arte che nasconde una storia di solidarietà e sensibilità cittadina. Questa curiosa statua, fatta di gesso e stoffa, rappresenta  infatti una volpe umanizzata, dello stile delle fiabe di Fedro, avvolta in una coperta, con un pupazzo di pezza in mano e lo sguardo basso e triste. L’opera d’arte appartiene alla collezione Rag and Bone di una nota scultrice di origine gallese, Laura Ford.

La Ford si ispira nei suoi lavori ai protagonisti delle fiabe di Beatrix Potter, nota scrittrice inglese di libri per bambini. I personaggi infantili e giocosi quali Tiggy-Winkle il riccio, Tommy il tasso e per l’appunto Tod la volpe, che vivono nelle favole del primo novecento in paesaggi idillici, boschi verdi e casette di legno, vengono rappresentati da Laura Ford in una situazione urbana moderna, ai margini delle strade, al freddo, senza casa, mendicanti ed affamati. Mettendo in mostra Tod la Volpe e i suoi amici  in un così inusuale aspetto nelle strade più trafficate ed importanti delle metropoli, l’autrice vuole attrarre l’attenzione sulla questione sociale dei senzatetto e della doppia realtà di cui vivono le nostre città: la ricchezza del consumismo del centro e la povertà dei margini sociali.

Cosa interessante è che sembrano siano stati proprio i cittadini di Stoccolma, attraverso una votazione, a voler posizionare Tod la Volpe in quell’angolo di strada di fronte al Parlamento. In questo modo i governanti del paese dovranno ricordare ogni mattina prima di entrare nei loro uffici la presenza “scomoda” di coloro che dormono nelle strade della città e chissà… magari penseranno a delle soluzioni.


RAG AND BONES DI LAURA FORD – STOCCOLMA

Drottninggatan (Guarda la mappa).

Il centro di Stoccolma può essere girato tranquillamente a piedi. La Drottninggatan è raggiungibile ad esempio dalla stazione dei treni grazie ad una piacevole passeggiata di 15 minuti circa.

Da sapere che… Laura Ford si è impegnata nel sociale anche in un’altra occasione in collaborazione con Amnesty International. La collezione Armour Boys rappresenta una serie di armature di cavalieri della misura di un bambino accasciata in posizioni inermi.

A due passi… il Parlamento, il palazzo Reale e la Gamla Stan, l’isola medievale dalle stradine intricate e le case colorate.

Una volpe al Parlamento suona come En timme kvar att leva – Kultiration.


Share

Traduci il post…

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: