Skip to content

Sorella morte. – PALERMO

6 aprile 2010

CHI: Claudia

città: Palermo

CHE: Se c’è una ricorrenza religiosa a cui i palermitani non mancano di venerare questa è la Festa dei Morti. Il 2 novembre di ogni anno fanno visita ai defunti portando loro fiori e a volte cibarie. La Festa dei Morti è una festa dedicata ai bambini e le anime dei trapassati li visitano nella notte tra l’uno e il due novembre lasciando loro dei doni.

I cadaveri vestiti di tutto punto.

Se vi trovate a Palermo in questo periodo o in qualsiasi altro giorno dell’anno, una visita alle Catacombe dei Cappuccini non può mancare. Questo vasto cimitero sotterraneo situato al di fuori delle mura cittadine, nel quartiere Cuba, è  unico al mondo nel suo genere ed attira curiosi fin dai secoli scorsi.

Le lunghe gallerie in tufo furono scavate intorno la fine del 1500 per un’estensione di circa 300 mq. Ciò che le distingue è la sistemazione delle mummie, circa 8000 in tutto, come fossero opere d’arte. Appesi o distesi, i corpi mummificati sono vestiti di tutto punto e sono suddivisi per sesso e per ceto sociale; nei vari settori si riconoscono prelati, nobili, borghesi, ufficiali dell’esercito, donne vergini e bambini. Erano i frati stessi del convento ad imbalsamare le salme, seguendo metodi di cui tutt’ora si sa poco: il più comune sembra fosse quello dell’essiccamento naturale mediante la sistemazione dei cadaveri nei colatoi.

L’ingresso del cimitero è sul lato sinistro della facciata principale della chiesa e ai piedi della scala, in penombra, si scorgono gli scheletri messi in fila. A destra si trova la prima parte del corridoio dei frati, il più antico; da qui imboccando il corridoio degli uomini, all’interno di un piccolo vano, sono sistemati i bambini. Proseguendo, i corpi mummificati s’identificano con dei cartelli che riportano il nome, cognome e data della morte; nel corridoio delle donne i corpi sono invece deposti orizzontalmente. Incrociando il corridoio dei professionisti, così chiamato per la numerosa presenza di medici, avvocati, pittori, ufficiali e soldati, ci si immette nella parte più recente, senza nicchie alle pareti. E’ qui che si può vedere uno dei tanti colatoi disseminati lungo le gallerie.

Nella cappella di Santa Rosalia, tra quelle dei cadaveri di due bambine, si trova la famosa bara della piccola Rosalia Lombardo, morta il 6 dicembre 1920 a soli due anni e trasportata ai Cappuccini per essere sepolta dopo essere stata imbalsamata dal dottor Salafia con un metodo farmacologico. Il corpo appare a prima vista come perfettamente intatto, tanto da dare l’illusione che la piccina stia soltanto dormendo, occhi chiusi e con le ciglia ancora presenti. Per i palermitani quella della piccola Rosalia è la mummia più bella del mondo, che “dorme” qui da quasi cento anni.

Le catacombe dei Cappuccini rappresentano un aspetto a dir poco tetro di Palermo, ma oltre ad essere una chicca assolutamente imperdibile, sono anche spunto di riflessione sulla caducità della vita e sull’inutilità dell’attaccamento degli uomini alle cose più effimere.


SORELLA MORTE – LE CATACOMBE DEI CAPPUCCINI DI PALERMO

Indirizzo: Piazza Cappuccini 1, Palermo.
Tel.: 091-212-117
Ingresso: 3 euro
Lun – Dom: 9.00 – 13.00   15.00 – 18.00

Da sapere che… il 2 novembre del 1779 il poeta Ippolito Pindemonte visitò le Catacombe, ne rimase così colpito da immortalare il cimitero nel suo carme imperituro “I Sepolcri”; e la città grata e riconoscente all’illustre poeta, chiamò la strada che porta alla Chiesa e quindi al cimitero Via Pindemonte. Ma non fu l’unico poeta a rimanere incantato da questo luogo. Nel 1885, il celebre scrittore francese Guj de Maupassant, dopo aver osservato con attenzione i cadaveri durante una sua visita, ritornò spesso sul metodo dell’essiccamento.

A due passi… in via Gaetano La Loggia (all’interno dell’ ex ospedale psichiatrico) è possibile visitare uno dei tre Qanat di Palermo. I Qanat, costruiti dagli arabi con tecniche proprie dei persiani, sono delle strette gallerie sotterranee scavate dai muqanni, “maestri d’acqua”. Questi cunicoli intercettavano la falda acquifera e tramite la gravità e una leggera pendenza trasportavano l’acqua in superficie.

Per le visite guidate  ai Qanat contattare la Cooperativa Solidarietà  allo 091580433.

Sorella morte suona come La Morte – Fabrizio De Andrè.


Share

Traduci il post…
L’articolo ci è stato inviato da Claudia Nasta.
Annunci
3 commenti leave one →
  1. Anna permalink
    15 aprile 2010 07:59

    Grazie Claudia,
    nonostante sia una palermitana non conoscevo certi dettagli riguardo le “Catacombe” e tantomeno i “Sepolcri” di Pindemonte che ne fanno riferimento!

  2. Daisy permalink
    7 aprile 2010 11:29

    ho visitato Palermo, l’ho trovata una città meravigliosa, struggente e passionale e quando sono entrata nelle famose catacombe dei cappuccini sono rimasta inquietata e al contempo affascinata da tali tesori “umani” che hanno fatto la storia della città

    se può interessarti, stasera ne fanno uno special su National Geographic channel http://www.natgeotv.com/it/live-curious-experience/videos/bella-addormentata-palermo

    • Angelo permalink*
      7 aprile 2010 11:57

      Grazie Daisy per il consiglio… sembra parecchio interessante, ragion per cui mi sa che non me lo perdero’!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: